C’era una volta…

C’era una volta il sogno di un uomo che nella realtà divenne più grande della sua immaginazione … il suo motto era: ”se puoi sognarlo puoi farlo”, sto parlando di Walt Disney. Parte da qui la nostra idea di dedicare un intero contest al tema delle fiabe,  all’intramontabile frase: ” c’era una volta …  e vissero tutti felici e contenti”, che ci accompagna in qualsiasi tappa della nostra vita.  Questa volta troviamo tra i giudici oltre Marco Di Puppo, Alessandro Di Puppo, Valentina Di Tella, Ivan Mendico, Gabriella Perrella, anche Federica Colaci, Cheren Suriani, Denise Ariotti e Sophia Felice.  Per la prima volta la gara è stata divisa in due fasce: una dedicata agli Studenti e l’altra agli Advanced.

I nostri complimenti vanno a: Marta Mameli (2 posto Nail Art divisione Advanced), Jessica Giglio ( 3 posto Nail Art - divisione Advanced), Luana Giolitti ( 1 posto Mix Media Box, 1 posto Nail Art e 1 posto Pedicure Tip Art - divisione Advanced), Serena Sere ( 3 posto Mix Media Box e 3 posto Pedicure Tip Art – divisione Advanced), Elena Tsynskaya (3 posto mix media box - divisione advanced), Squillace Inge (2 posto mix media box – divisione Advanced),  Alla Gilenskaya ( 2 posto Pedicure Tip Art – divisione Advanced), Elena Alina Tutot ( 1 posto Nail Art e 1 posto Pedicure Tip Art – divisione Student), Cristina Fioretti (1 posto mix media box – divisione student). Si aggiudica il trofeo Star, di migliore del Contest Luana Giolitti che ancora una volta ha dimostrato la sua versatilità in tutte le categorie.

Attualmente durante la manifestazione Cosmoprof di Bologna sono esposti sotto lo stand dell’AmericaNails, i 6 lavori finalisti del 17th Contest AmericaNails Mix Media Box Fantasy Magic World! Mentre sul web, è gia iniziato il 18th Contest AmericaNails, Nail Art, Mix Media e Pedicure tip – love is Equal,  dedicato all’amore che oggi più che mai deve essere uguale per tutti!  per maggiori informazioni  trovate tutto nel gruppo dedicato su facebook (Contest Nail Art AmericaNails). Come consuetudine diamo la parola ora ai nostri giudici esterni

 

1)      Raccontaci in breve come è iniziato il tuo percorso all’interno del mondo Nails?

 

Cheren Suriani:  Avevo 15 anni e volevo un po' di indipendenza, così andando in fiera con mia madre che era estetista da tanti anni decisi di partecipare a un corso di ricostruzione unghie.

 

Denise Ariotti:  Tutto iniziò parecchi anni fa, quando ancora non era diffusa la  moda delle unghie in gel. Lavoravo in un bar, e mentre servivo il caffè ad una cliente ho notato le sue unghie alquanto particolari, lunghe e con una sfumatura di colori che dal bianco andava verso il nero. Quello è stato il giorno in cui ho deciso che avrei imparato anche io. Ho dovuto attendere un po' perché non potevo permettermi di pagare un corso, stavo attraversando un brutto periodo economico ed  in quegli anni i corsi avevano costi elevatissimi, comportavano inoltre  spese anche per gli spostamenti perché la formazione era presente solo a chilometri e chilometri di distanza.

 

Federica Colaci: 15 anni fa  vivevo in Germania,per caso una mia amica mi chiese di farle da modella per un  esame da parrucchiera che comprendeva trucco parrucco e unghie,solo che io all'epoca le mangiavo e lei mi pagó una ricostruzione unghie presso un nailcenter a Remscheid,quello fu l'inizio della fine!

 

Sophia Felice: La passione per smalti e make up è nata con me ma per anni ho erroneamente creduto di non poter vivere della mia passione. Ho così  intrapreso gli studi universitari in Filosofia e poi lavorato per diversi anni nei settori del marketing e della comunicazione ma, nonostante le soddisfazioni  ottenute, il mio sogno era sempre lì ad agitarsi nel cassetto. Le tante esperienze accumulate, una certa tenacia e la collaborazione del mio ragazzo ingegnere, mi hanno alla fine consentito di creare il sito nailartfelice.com

2)      Esprimi un parere sul mondo Nails, pregi e difetti?

 

Cheren suriani:  Il pregio più grande di questo lavoro è che c'è sempre da scoprire e da imparare tecniche nuove. Una cosa che non sopporto è il mercato troppo saturo.

 

Denise Ariotti: Ho sempre reputato il mondo nails un mondo meraviglioso, poiché permette di dare sfogo alla propria creatività.È un settore che ha molti pregi ese si hanno le capacità per riuscire a  distinguersi, le soddisfazioni arrivano davvero.Si ha la possibilità di rendere felici le proprie clienti  ed è un lavoro che si fa volentieri, con gioia e divertendosi.Per quanto riguarda i Difetti invece devo dire che  ne ho riscontrati alcuni soprattutto negli ultimi anni: noto ad esempio con tristezza che con il passare degli anni la collaborazione che c'era una volta tra colleghe  si è trasformata in invidia e competizione. Tanti pensano ormai solo ai propri interessi a discapito del prossimo, si sono persi i valori, il rispetto e l'umiltà. Succede sempre più spesso di imbattere in discussioni sui social che mi lasciano senza parole, sono sempre più numerose le persone che hanno fatto visto o ascoltato un solo corso e che già si sentono professioniste. Gli Insulti,la cattiveria gratuita, e la continua gara a chi ne vuol saper di più sembrano aver preso il posto di quell'ambiente genuino che sicuramente avrà provato chi  in passato frequentava i forum che,quando ero io agli inizi, erano un ambiente diverso fatto di consigli genuini, di collaborazione. La compagnia dei colleghi, anche se virtuale era un piacere, ci si dava un appuntamento quotidiano  anche solo per stare insieme. Basta pensare che sono nate amicizie che  durano ormai da 10 anni.

 

Federica Colaci:  Una sana competizione che ci incita a crescere sempre di piu e allo stesso tempo un mondo spietato che non perdona neanche il più piccolo errore!bisogna combattere per la pefezione gente!

 

Sophia Felice:  Il modo nails è creatività alla stato puro! È arte, è passione. Viverlo significa conoscere persone che amano esprimersi attraverso la nail art ed i colori,  significa incontrare imprenditori che come me hanno lottato e lottano per il proprio sogno. Il mondo nails è un modo di artisti e sognatori. Purtroppo incontro abbastanza frequentemente una mancanza di professionalità, sia da parte di onicotecniche improvvisate sia da parte di alcune aziende che non si pongono troppi scrupoli nell’immettere sul mercato prodotti scadenti e dannosi.

 

3)      Parlaci dei tuoi progetti futuri? Come ti vedi da qui a un anno?

 

Cheren Suriani:  Mi piacerebbe tantissimo insegnare agli altri quello che ho imparato grazie ai grandi master.

 

Denise Ariotti: Ho intenzione di occuparmi esclusivamente della mia  scuola di formazione professionale. Voglio concentrarmi al 100% alla formazione di competitori per le gare ed alla crescita delle insegnanti che mi sostituiranno nei prossimi anni.Già nel corso di quest'ultimo anno ho iniziato a dedicarmi alla formazione di insegnanti che già da quest'anno lavoreranno nella mia accademia di formazione per onicotecniche, il lavoro è molto ed è diventato impossibile dedicarmi come vorrei ad ogni singolo corso da sola. Quest'anno pertanto lo dedicherò a formare e delegare.

 

Federica Colaci: Gare gare e poi ancora gare io gareggeró finche ne avrò le forze! È una droga baby!!

 

Sophia Felice: Il futuro si prospetta decisamente interessante ed appagante con progetti in fase di sviluppo relativamente ai quali non posso anticipare ancora nulla ma, inevitabilmente, è anche mistero e continua scoperta. Sicuramente tra un anno troverete una Sophia come quella di oggi, con lo stesso sorriso e la stessa voglia di condividere ciò che ama.